Lega Nord

Centrodestra unito? Salvini: «Facile alle amministrative, ma alle politiche...»

Alleanze, congresso della Lega, legittima difesa e anche la questione closing del Milan al centro della discussione ieri sera a Otto e mezzo su La7 dove era ospite in studio il segretario del Carroccio

ROMA – Alleanze, congresso della Lega, legittima difesa e anche la questione closing del Milan al centro della discussione ieri sera a Otto e mezzo su La7 dove era ospite in studio il segretario del Carroccio, Matteo Salvini.

L'alleanza con Forza Italia
Lilli Gruber ha tentato di strappare al suo ospite qualche dichiarazione forte sulla situazione del centrodestra, sostenendo che l'alleanza fra Lega e Forza Italia è una cosa «certa», ma l'eurodeputato ha ripetuto quello che dice ormai da tempo: «Non credo più alle etichette destra, sinistra, fascista comunista. Quanto alle alleanze dipende dai temi, dai fatti. Questa sera non posso dire sicuramente sì o no a qualcuno; prendiamo la politica estera che ha conquistato le prime pagine di questi giorni. Berlusconi una volta era a favore della Turchia in Europa, io a pensare che uno come Erdogan sia compatibile con l'Europa faccio fatica. Se poi Berlusconi ha cambiato idea ed è d'accordo con me sono contento. Io ritengo che l'Italia debba controllare la moneta, le banche e i confini».

La questione amministrative
Non ci sono solo le elezioni politiche comunque, ma anche quelle amministrative dove secondo Salvini «è più semplice trovare un accordo. Perché per Genova o Verona il piano per rilanciare le città lo si può fare tutti assieme perché ci si occupa di strade, buche e non di Turchia. A livello politico non sono più disposto a fare alleanze a tutti i costi, soprattutto reimbarcando gli Alfano, i Cicchitto i Verdini...».

Dalla Padania al sovranismo federale
Sul congresso della Lega e della discussione interna al suo partito sul proseguimento di una linea «indipendentista» alla Bossi o «sovranista» alla Salvini, il segretario uscente ha spiegato di non voler modificare lo statuto che prevede al suo primo punto l'indipendenza della Padania, ma di sperare che Carroccio e Noi con Salvini possano fondersi in un unico soggetto politico che sia federalista.

Il closing del Milan
Infine una battuta sul derby della Madonnina, che per la prima volta nella sua vita Salvini non vedrà: «Il derby cinese giocato per esigenze televisive il sabato di Pasqua così lo vedono a Pechino non è il derby di Milano e quindi se lo guardino loro. I valori vanno oltre il denaro».