20 gennaio 2021
Aggiornato 23:30
'Lo Stato si assuma la sua responsabilità'

Dj Fabo, Cappato si autodenuncia per averlo accompagnato in Svizzera

Marco Cappato, tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, è andato dai carabinieri di Milano per presentare una autodenuncia dopo aver accompagnato in Svizzera Dj Fabo e averlo aiutato nel suicidio assistito

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/02/20170228_video_15515431.mp4

MILANO - Marco Cappato, tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, è arrivato intorno alle 15 alla stazione dei carabinieri della compagnia "Duomo" di Milano per presentare una autodenuncia dopo aver accompagnato in Svizzera Dj Fabo e averlo aiutato nel suicidio assistito. "Racconterò come ho aiutato Fabo ad ottenere l'assistenza alla morte volontaria", ha detto l'esponente dei Radicali prima di entrare nella stazione dell'Arma. "Io non ho girato la testa dall'altra, mi sono preso le mie responsabilità. Anche lo Stato italiano deve prendersi le sue responsabilità".

"Lo Stato si assuma la sua responsabilità"
Secondo Cappato, infatti, spetta allo Stato italiano "il compito di decidere se girare la testa dall'altra parte oppure consentirmi di difendere le mie ragioni in un'aula di Tribunale». Obiettivo della sua iniziativa dunque è quella di spingere lo Stato a una assunzione di responsabilità "perché - ha spiegato - la soluzione non può essere che se tu hai 10mila euro e la condizione di trasportabilità allora vai in Svizzera, altrimenti resti inchiodato a un letto e devi subire un suicidio nelle condizioni più terribili oppure una tortura di vita che non vorresti. Lo Stato non può fare finta di niente".

"Andrò a difendermi davanti a un giudice"
"Andrò a difendere davanti a un giudice quello che ho fatto. Lo potrò fare - ha puntualizzato - in nome dei principi costituzionali di libertà e responsabilità fondamentali che sono più forti di un Codice penale scritto in epoca fascista dove non si fa differenza tra l'aiuto a un malato che vuole interrompere una sofferenza e lo sbarazzarsi di una persona di cui ci si vuole liberare. Il Codice penale non fa questa differenza, la Costituzione sì".