Il Comune di Roma visto dai Fratelli d'Italia

Meloni contro Raggi: «Totalmente inutile»

La fondatrice di Fratelli d'Italia ha vestito anche i panni di consigliera comunale di Roma durante la sua intervista a In 1/2 Ora su Rai3, parlando del progetto dello stadio a Tor di Valle, della protesta dei taxi e dell'inconcludenza dell'amministrazione a 5 stelle

ROMA – Giorgia Meloni ha vestito anche i panni di consigliera comunale di Roma durante la sua intervista a In 1/2 Ora su Rai3, parlando del progetto dello stadio a Tor di Valle, della protesta dei taxi e dell'amministrazione di Virginia Raggi, definita «totalmente inutile».

«Raggi con i tassisti per distrarre attenzione pubblica»
Il primo attacco alla sindaca del del Movimento 5 stelle è arrivato a proposito della sua discesa in piazza di fianco ai tassisti in protesta, definita dalla fondatrice di Fratelli d'Italia «un tentativo di distrarre l'attenzione dei romani e non solo dalla totale inutilità dell'amministrazione Raggi», ad esempio sulle tematiche sociali, dove la base dei 5 stelle sta rimanendo molto delusa. A tal proposito la deputata di Fdi ha ricordato la campagna elettorale della pentastellata, che andava per i mercati rionali promettendo «che avrebbe rivitalizzato i mercati e invece ha tagliato del 40% le risorse». Meloni ne ha avute anche per il deputato del M5s, Alessandro Di Battista: «Spero che governino a Roma. Mi ha fatto sorridere sentire Di Battista dire che stanno facendo esperienza, ma non si fa il tirocinio da sindaco di Roma, si fa da consigliere, altrimenti Roma finisce in ginocchio».

«Sullo stadio ha deciso tutto Grillo»
Quanto allo stadio della Roma, Meloni ha spiegato: «Non abbiamo visto il progetto, tutto avviene fuori dall'amministrazione comunale. Sembra una decisione non del sindaco ma di Beppe Grillo che è venuto col suo consulente da Genova e hanno deciso». La fondatrice di Fdi ha aggiunto che lei avrebbe «valutato nel merito il progetto e avrei valutato una riduzione delle cubature e valutato la possibilità che lo stadio incida positivamente sul quartiere». L'ex ministra della Gioventù ha concluso ricordando di essere sempre stata favorevole al progetto della Roma, come lo è per la Lazio, perché «sono favorevole al fatto che le squadre abbiano uno stadio di loro proprietà. Su Tor di Valle pendeva un giudizio della regione Lazio sulla validità del terreno e non ho ancora capito, su quel terreno si può costruire o no?».