17 agosto 2018
Aggiornato 07:00

Latitante arrestato dalla Polizia Postale per la vicenda dei bancomat

Indagini della Polizia Postale, già in carcere altri due indagati per il sodalizio criminale di cash trapping
Polizia Postale
Polizia Postale (ANSA)

VENEZIA - E' stato arrestato dalla polizia di Stato il terzo e ultimo componente di un sodalizio criminale dedito al fenomeno del 'cash trapping' in apparecchiature bancomat nelle province di Venezia, Padova e Treviso.

Si tratta di un moldavo di 33 anni arrivato con un aereo dal suo paese a Tessera dove si è presentato alla Polizia di Frontiera che ha avvertito i colleghi della Polizia Postale che aveva svolto le indagini nel 2015. L'inchiesta aveva già portato portat oall'arresto di altri due moldavi e sul 33enne pendeva un provvedimento restrittivo emesso dalla magistratura lagunare.
L'uomo assieme ai due connazionali si era impossessato di varie somme di denaro sottraendole alle vittime attraverso sportelli bancomat o postamat sui quali avevano precedentemente applicato un dispositivo che impediva l'erogazione delle somme di denaro richieste dal cliente pur figurandone l'addebito in conto corrente.