18 ottobre 2018
Aggiornato 17:30

Rumore dall'autodromo di Imola, per giudici è ok; per i residenti no

I giudici di secondo grado ribaltano il verdetto del Tar sulla rumorosità dell'autodromo
L'autodromo di Imola
L'autodromo di Imola (ANSA)

IMOLA (BOLOGNA) - Accogliendo il ricorso del Comune e di Formula Imola, il Consiglio di Stato ha ribaltato la decisione del Tar sul piano di classificazione acustica, cioé le norme che regolano il rumore nei pressi dell'autodromo Enzo e Dino Ferrari. Ne dà notizia il Resto del Carlino. A dicembre 2016 il Tar aveva bocciato il piano, dopo l'impugnazione di Legambiente e di un gruppo di residenti che da tempo si lamentano dei decibel.

Secondo i giudici amministrativi di secondo grado, però, «l'assetto acustico che il Comune di Imola ha ritenuto di dare al proprio territorio», attraverso la nuova zonizzazione del 2015 «non palesa eclatanti distorsioni logiche». E questo anche «nell'imprescindibile considerazione dell'uso, risalente nel tempo, che viene fatto dell'autodromo come sede di manifestazioni motoristiche d'interesse anche mondiale».