Italia | Cantiere Centrodestra

Centrodestra, vertice ad Arcore. Salvini: «Punto primo abolire la legge Fornero»

Berlusconi, Salvini e Meloni si incontreranno per la prima volta per mettere a punto il programma comune. Leader FdI «porterà voce patrioti a vertice Arcore»

Giorgia Meloni (FdI) e Matteo Salvini (Lega Nord)
Giorgia Meloni (FdI) e Matteo Salvini (Lega Nord) (ANSA)

MILANO - Oggi Matteo Salvini incontrerà Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni ad Arcore nel primissimo pomeriggio. Lo rende noto la Lega. Sarà il primo di una serie di vertici, il prossimo sarà organizzato in casa Lega, per definire programmi e strategie in vista delle politiche del 4 marzo. Salvini chiederà agli alleati l'impegno ufficiale ad azzerare la legge Fornero come primo atto del nuovo Governo. Per il leader della Lega l’azzeramento dell’attuale regime pensionistico è un punto «non negoziabile» dell’alleanza ed è stato più volte chiesto che fosse messa nero su bianco (addirittura davanti a un notaio). Berlusconi dal canto suo non si è mai sbilanciato ( la legge Fornero a suo tempo fu votata anche da Forza Italia) e ha rilanciato proponendo l’innalzamento a mille euro di tutte le pensioni minime.

Meloni porterà voce patrioti a vertice Arcore
«Si terrà oggi, finalmente, il primo vertice della coalizione di centrodestra in vista delle prossime elezioni politiche. Fratelli d'Italia, che ha molto lavorato per questo obiettivo, porterà al tavolo la voce dei patrioti per realizzare un programma che dica 'prima gli italiani'.» È quanto comunica Fratelli d'Italia, in vista del vertice di oggi tra Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini.
«Le nostre priorità - si legge nella nota - sono: il più imponente piano di sostegno alla natalità che sia mai esistito in Italia, la difesa feroce del Made in Italy e delle aziende italiane e idee chiare contro l'immigrazione e il processo di islamizzazione dell'Europa in corso. Queste le questioni che porremo, insieme a un impegno formale di tutti i candidati contro qualunque ipotesi di inciucio».

Rotondi: Alleanza larga con Berlusconi premier
«Rivoluzione Cristiana si ritrova nello schema difeso da Brunetta in questa legislatura: un'alleanza larga con Berlusconi leader e per noi anche premier». Lo dice il segretario nazionale di Rivoluzione Cristiana, Gianfranco Rotondi.
«Non è tempo di convenevoli: bisogna dire chiaro e tondo che puntiamo a un ritorno di Berlusconi alla guida del governo del Paese», conclude.