Immigrazione

Stupro Roma, Salvini: «Subito castrazione chimica. E la Boldrini non parla?»

Una giovane turista finlandese è stata violentata a Roma da un immigrato bengalese di 22 anni che aveva un permesso di soggiorno per motivi umanitari

Il segretario del Carroccio commenta su Facebook i fatti dello stupro di Roma.
Il segretario del Carroccio commenta su Facebook i fatti dello stupro di Roma. (ANSA)

ROMA – Una giovane turista finlandese in vacanza a Roma è stata violentata un immigrato bengalese di 22 anni che deve rispondere del reato di rapina e violenza sessuale. Lo stupro è avvenuto nella notte tra venerdì e sabato scorso nel centro della capitale. La ragazza nella tarda serata di venerdì, insieme ad una amica, ha cercato un taxi per fare rientro presso l'abitazione dove alloggiava. E' stata quindi avvicinata da un ragazzo dai modi apparentemente gentili, che si è offerto ripetutamente di accompagnarla a casa con la propria autovettura, parcheggiata - a suo dire - in una via limitrofa alla stazione Termini. La giovane, fidandosi dei modi garbati dell'uomo, ha acconsentito, tranquillizzando l'amica titubante che però è rimasta a cercare un taxi.

Lo stupro della giovane turista
Dopo aver percorso un centinaio di metri dal locale, lo sconosciuto ha tentato un approccio sessuale con la donna e non ha desistito nonostante il fatto che le urla e le richieste di aiuto della giovane abbiano richiamato l'attenzione di una donna affacciata a una finestra che poi ha dato l'allarme chiamando la polizia. Questo non ha fermato lo stupratore che ha picchiato, minacciato e trascinato la giovane finlandese in una zona appartata e li' l'ha stuprata. Le indagini sono partite subito dopo l'allarme dato dalla donna.

L'immigrato aveva un permesso di soggiorno
L'uomo ha poi sottratto alla vittima anche quaranta euro, prima di darsi alla fuga. L'autore dello stupro è stato identificato e arrestato vicino piazza Fiume dagli agenti della Polizia di Stato della Quarta Sezione della Squadra Mobile di Roma e del Commissariato Viminale, coordinati dalla locale Procura, a seguito di una attività investigativa. L'uomo è stato anche riconosciuto dalla vittima durante la conseguente attività d'individuazione fotografica. Aveva un permesso di soggiorno per motivi umanitari.

Salvini: Castrazione chimica
«Ragazza aggredita e violentata a Roma da un bengalese con permesso di soggiorno per 'motivi umanitari'. Quanto è buono, comprensivo e accogliente il Governo PD» scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. Mentre Matteo Salvini promette di «mandare a casa» molti immigrati, se andrà al governo. Su Facebook il leader della Lega commenta lo stupro della ragazza finlandese che ha portato all'arresto del cittadino del Bangladesh così: «In attesa di pagarci la pensione, il 'povero profugo' stuprava. Sono troppi, ne manderò a casa un bel po'! Si attende ferma condanna boldriniana...». Conclude poi Salvini: «Castrazione chimica, e non lo farà più».