Innovazione | Cloud computing

Sicurezza e scalabilità, come il Cloud può proteggere i tuoi dati

Nell’era digitale le aziende devono essere in grado di raggiungere gli utenti in qualsiasi momento, ovunque e su qualsiasi dispositivo. Devono inoltre proteggere l'enorme quantità di dati disponibili. Come? Attraverso il Cloud

MILANO - Dai documenti di lavoro alle strategie di business, dalle password di accesso ai social network a quelle dei conti bancari, dalle foto di amici e parenti ai video delle vacanze al mare. Una vita intera, fatta di dati, e concentrata in un unico punto, sempre a portata di mano, ma - allo stesso tempo - estremamente vulnerabile perchè accessibile anche ai cyber criminali. Secondo il Worldwide Infrastructure Security Report, il 75% degli attacchi hacker avvenuti lo scorso anno sono stati mirati a colpire i privati: di fatto, entro il 2020, si stima che ogni persona subirà un attacco informatico, mentre i danni economici sono valutati a 100 miliardi di euro, secondo la società di assicurazioni londinese Lloyd's di Londra. Ma è stato soprattutto l’attacco di WannaCry, un malware che ha colpito oltre 200mila utenti criptando i dati di questi e chiedendo loro un riscatto per liberarli, a far scoppiare il panico. Sia tra i privati, ma soprattutto tra le istituzioni pubbliche e private, prese di mira da WannaCry come mai accaduto prima di quel momento. A essere colpite aziende come Portugal Telecom, Deutsche Bank, FedEx, Telefonica, Tuenti, Renault, il National Health Service, il Ministero dell’interno russo, l’Università degli Studi di Milano-Bicocca. La copertura mediatica data a questo incombente attacco informatico ha fatto sì, che, anche le aziende che credevano di non essere vulnerabili, capissero l’importanza e la necessità di correre ai ripari. Improvvisamente, proteggere i propri dati è diventato imprescindibile.

Proteggere i propri dati con Aruba Cloud
Proteggersi è possibile. Ed è possibile affidando i propri dati alla rete e a chi sa proteggerli lasciandoli liberi, ma sicuri, attraverso servizi Cloud, come quelli offerti da Aruba. L’obiettivo dell’azienda è quello di fornire una gamma completa di servizi Cloud per rispondere alle esigenze delle aziende, qualunque sia il loro progetto. Dallo sviluppo di infrastrutture virtuali all’archiviazione e condivisione di dati, dallo sviluppo di offerte SaaS dal proprio software all’esternalizzazione di backup. «Il Cloud - afferma un esperto Aruba - è una delle principali tecnologie abilitanti della digital trasformation. Permette di spostarsi verso la qualità del servizio, garantendo una massima flessibilità del servizio e altissima scalabilità. Il Cloud permette di far evolvere la propria infrastruttura IT con risorse immediatamente disponibili, pagabili in base all’effettivo utilizzo e con le caratteristiche di elevata affidabilità e sicurezza richieste dalle imprese. Tra i vantaggi l’utilizzo efficiente delle risorse, l’abbassamento dei rischi e il bilanciamento delle spese».

I vantaggi del Cloud Computing
I dati mostrano opinioni omogenee sui benefici del cloud: tra le motivazioni più forti svettano la velocità di risposta al business (89%), la flessibilità di spesa IT (88%) e l’ampliamento del supporto informativo (86%). In generale, tra i criteri ritenuti molto rilevanti o essenziali da parte di tutte le organizzazioni, al primo posto vi è la garanzia di sicurezza ed adattabilità (87%), seguito dalla capacità di fare brokeraggio e intermediazione di servizi di terze parti (71%), dalle certificazioni relative ai Data Center utilizzati per l’erogazione dei servizi (70%), dalla presenza di competenze tecniche (69%), dal costo dell’implementazione (68%) e dalla flessibilità contrattuale (65%). Per più di tre aziende su 10 è importante anche la localizzazione del Data Center (34%).

La sicurezza
Le soluzioni offerte da Aruba permettono agli utenti di scegliere quale tecnologia di virtualizzazione usare, dove installare i propri server virtuali e cosa installarci. Il tutto tramite un singolo pannello di controllo e API pubbliche. Dal 2016, inoltre, Aruba fa parte di CISPE (Cloud Infrastructure Services Providers in Europe), una coalizione di oltre 20 provider di infrastrutture cloud attive in Europa che si è dotato di un codice di condotta per la protezione dei dati che prevede la possibilità per i clienti di provider di infrastrutture Cloud di trattare e salvare esclusivamente dati all’interno di territori UE/SEE. Il cliente ha la possibilità di scegliere all’interno di un network europeo tra tre data center in Italia, uno in Repubblica Ceca, uno in Francia, uno in Germania, uno in Polonia e uno nel Regno Unito, avendo così, la possibilità di trovare la perfetta localizzazione per lo sviluppo dei propri progetti IT. Aruba, inoltre, utilizza i sistemi crittocrafici (AES) e protocolli di sicurezza (AES, SSL) di alta sicurezza con password cifrata che solo l’utente può conoscere. In questo senso anche la trasmissione dei dati risulta cifrata. «Aruba Cloud Computing viene erogato tramite i Data Center del Gruppo e definisce i parametri di riferimento per l’erogazione del servizio con un Uptime minimo garantito del 99,95% - continua l’esperto Aruba -. Il calcolo dei prezzi è completamente trasparente, non ci sono costi occulti o a consuntivo. Aruba Cloud fornisce elevati standard di sicurezza, affidabilità ed efficienza nell’erogazione dei servizi di alto livello. I data center di Arezzo - e quello di prossima apertura a Bergamo - sono certificati secondo il massimo livello RATING 4, che assicura la continuità operativa più alta, attestandosi al 99,95% (significa fermo del data center per 0,4 ore/anno). Inoltre sono ambienti strettamente sorvegliati e protetti».

Altri benefici del servizio: Cloud Backup
Cloud Backup è un servizio che permette di creare e impostare backup automatizzati. Attraverso questo servizio è possibile impostare i backup con cadenza oraria, giornaliera, settimanale oppure a orari personalizzati. I backup sono salvati e mantenuti presso data center di Aruba con accesso protetto ed esclusivo al proprio Account Backup. Creare, programmare e ripristinare i backup è, inoltre, molto semplice grazie a un’interfaccia grafica ed è possibile gestirli per i propri Cloud Server e per i propri server fisici, sia che siano ospitati nel data center di Aruba, che di qualunque altro fornitore o presso i propri uffici.

Servizi per la conoscenza dell’utente
Nell’era digitale le aziende devono essere in grado di raggiungere gli utenti in qualsiasi momento, ovunque e su qualsiasi dispositivo. Per essere un passo avanti alla concorrenza, devono poter accedere in modo veloce e sicuro a enormi archivi di dati e a servizi di analisi. E per soddisfare queste esigenze, serve il cloud. La materia, tuttavia, non sempre risulta di facile comprensione ed è per questo che Aruba mette a disposizione dei suoi clienti anche diversi webinar i quali hanno lo scopo di fornire informazioni su come, oltre a semplificare l’esperienza degli sviluppatori e migliorare la produttività, un’infrastruttura cloud può offrire automazione, velocità e scalabilità delle risorse. Anche attraverso domande dirette agli esperti di Aruba. Lo stesso vale per i ’white paper’ dei quali è possibile richiedere il download on-demand nella pagina dedicata, compilando l’apposito form di richiesta.

I data center e l’efficenza energetica
I servizi di Aruba sono erogati da 4 Data Center proprietari, tre in Italia, situati ad Arezzo e Ponte San Pietro (Bergamo), mentre il quarto, che si trova a Ktis (Repubblica Ceca), è principalmente dedicato ai paesi dell’Europa Centrale e Orientale. A questi Data Center si aggiungono strutture partner che erogano servizi a livello europeo da: Varsavia, Francoforte, Parigi e Londra. Connessi ad Internet con oltre 140 Gb/s, garantiscono una capacità trasmissiva doppia rispetto al fabbisogno effettivo, per assicurare continuità e qualità dei servizi. Ma non solo. Dal 2011 i data center Aruba funzionano solo con energia a garanzia di origine da fonti rinnovabili (certificazione GO). Questo significa che l’azienda, oltre a garantire la massima affidabilità e sicurezza nelle prestazioni, si adopera quotidianamente per raggiungere la massima efficienza e risparmio. A tal proposito, in ottobre, Aruba inaugurerà il più grande data center campus in Italia a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo. Global Cloud Data Center è stato progettato e realizzato con l’obiettivo di superare gli standard di mercato in termini di affidabilità e performance ed essere in grado di coprire ogni esigenza anche in termini d’espansione futura, data la vastità dell’area: dal singolo server dedicato a soluzioni infrastrutturali complesse sia fisiche sia cloud, passando per la progettazione di cage, sale dati ed interi data center dedicati, soluzioni di disaster recovery e business continuity, fino ad arrivare al completo outsourcing dell’infrastruttura. Inoltre tutte le facility disponibili a completamento dell’offerta, come ad esempio connettività multicarrier, routing, fornitura hardware; o ancora, spazi polifunzionali destinati a soddisfare le più svariate necessità logistiche, potendo disporre ad esempio, di uffici temporanei, magazzini, sale e postazioni ad uso dei clienti.