impresa

La prima scuola di fallimento in Italia (per vincere di nuovo)

l percorso didattico si compone di 12 docenti che dispensano le regole necessarie ad affrontare il fallimento: ci sono esperti di teatro, psicologi, neuroscienziati ed esperti di gioco da tavolo

La prima scuola di fallimento in Italia (per vincere di nuovo)
La prima scuola di fallimento in Italia (per vincere di nuovo) (Shutterstock.com)

MODENA - Diffondere la cultura dell’errore e del fallimento per fare in modo che non sia un ostacolo al successo, ma una tappa (delle volte anche obbligatoria) dalla quale uscire più forti. E’ questo ciò che ha spinto Francesca Corrado, 36 anni, ricercatrice e docente universitaria a fondare a Modena la prima scuola del fallimento in Italia, rivolta a startupper, imprenditori, studenti e disoccupati.

Dal fallimento all’opportunità
Un’idea che nasce dalla sua esperienza personale, da uno spin-pff creato nel dipartimento di Economia dell’Università di Modena e che ha fallito. Un duro colpo per lei che l’ha portata nel duro baratro della frustrazione e dell’analisi personale. Non accettava di aver sbagliato. Questo senso di ‘inferiorità’, per un anno, le ha condizionato la vita. Lei, sempre così alla ricerca della perfezione, aveva fallito. Ma è stata anche un’opportunità, perché è stato grazie a questa esperienza, che Francesca ha fondato la sua scuola sul fallimento.

Si parte dal gioco
Francesca ha scoperto, grazie a una ricerca, che anche l’errore ha un suo ciclo: percezione, analisi, consapevolezza, sdrammatizzazione e fiducia in un nuovo successo. Di fatto, analizzare il proprio errore ridurrebbe notevolmente le percentuali di sconfitta. Il percorso didattico studiato da Francesca si compone di 12 docenti che dispensano le regole necessarie ad affrontare il fallimento: ci sono esperti di teatro, psicologi, neuroscienziati ed esperti di gioco da tavolo. Ed è proprio il gioco da tavolo che detta le regole e le basi sulle quali si svolge il percorso formativo. Nel gioco, infatti, si vince o si impara. Non si perde mai. Anche se il fallimento, oggi, è ancora percepito come una sconfitta, la vera sfida è quella di affrontare ogni esperienza pensando a ciò che si potrà portare a casa da quel viaggio.

I corsi della scuola di fallimento
La scuola di Francesca e del suo team è unica in Italia. A giugno sono stati lanciati alcuni corsi rivolti ai giovani disoccupati, finanziati dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Modena. Il 24 settembre ci sarà una giornata di formazione aperta a tutti, mentre da ottobre partiranno i primi corsi per le aziende che potranno durare un week end o un mese al costo di 500 euro. Una buona occasione per trasformare il fallimento in opportunità.