26 settembre 2020
Aggiornato 16:30
aggiornamenti in vista

WhatsApp, come scrivere in corsivo, grassetto e barrato nelle chat

E' sufficiente anteporre e far seguire la parola che si vuole formattare da un asterisco se si vuole in grassetto, da un underscore se si vuole il corsivo e da un tilde se si vuole il barrato

ROMA - Da oggi su WhatsApp si può scrivere in grassetto, corsivo e barrato. L’avevamo annunciato già qualche settimana fa, quando la nuova funzione dell’applicazione di messaggistica online era in fase di testing. Ora è ufficiale e da oggi tutti (utenti Android e IOS) che scaricheranno l’ultima versione di WhatsApp avranno la possibilità di utilizzare all’interno delle conversazioni testi scritti in grassetto, corsivo e barrato.

Come scrivere in corsivo, grassetto, barrato su WhatsApp
Usare la formattazione nuova è molto semplice. Il primo passo è quello di scaricare dal Google Play o dall’App Store l’ultima versione rilasciata dagli sviluppatori. Successivamente per utilizzare il grassetto sarà sufficiente far precedere e seguire la parole che volete trasformare con un asterisco, che si trasformerà in un underscore nel caso preferiate il corsivo o in una tilde per il barrato. Ad esempio, se volessi scrivere ciao in corsivo dovrò creare questa struttura: _ciao_. Un po’ macchinoso, in effetti, anche perché al momento questa funzione sembra essere disponibile solo per mobile e non per WhatsApp desktop.

Non ancora per tutti
L'update di WhatsApp che introduce il testo formattato in stile Google Plus, oltre a richiedere l'aggiornamento all'ultima versione dell'applicazione richiede anche un aggiornamento via server e per questo motivo è possibile che la novità non sia ancora disponibile a tutti gli utenti iscritti alla piattaforma.

I numeri del servizio
WhatsApp ha raggiunto in pochi anni la bellezza di un miliardo di utenti attivi ogni mese, il che significa che quasi una persona su sette al mondo usa WhatsApp ogni mese per restare in contatto con i propri amici e famigliari. Numeri da capogiro che non ci possono far neanche lontanamente immaginare il valore economico di tutte le transazioni che stanno dietro le quinte. Va da sé che il servizio opera continui cambiamenti per rendersi sempre più a portata di utente.