19 giugno 2021
Aggiornato 01:30
innovazione sportiva

Wingboarding, la tavola che ti fa surfare tra le nuvole

L’atleta è, invece, saldamente legato alla wingboard grazie ad attacchi simili a quelli delle tavole da snowboard. La wingboard è costruita in modo tale da permettere all’atleta di rimanere in posizione eretta dietro all’aereo

MONTGOMERY - Avete mai provato a lanciarvi da un aereo in volo a 4mila metri di altezza? La sensazione di sfrecciare tra le nuvole è inequiparabile, a patto di non soffrire di vertigini. Nel futuro non basterà più il paracadutismo per sentirsi invincibili. Amanti degli sport estremi sta per arrivare il surf tra le nuvole.

Surfare tra le nuvole
Concetto decisamente futuristico, ma non per questo irrealizzabile. Si chiama wingboarding ed è un nuovo sport estremo che permetterà di sciare tra le nubi come fossero piste innevate. Il progetto è targato Aaron Wypyszynkski, ingegnere trentenne dell’Alabama con la passione per il volo e per gli sport estremi che ha ideato il wingboard, una speciale ala sulla quale volare nel cielo trainati da un aereo. Il principio base può essere paragonato a quello dello sci nautico: la tavola è dotata di carrello e decolla trainata dall’aereo come se fosse un aliante. L’atleta è, invece, saldamente legato alla wingboard grazie ad attacchi simili a quelli delle tavole da snowboard. La wingboard è costruita in modo tale da permettere all’atleta di rimanere in posizione eretta dietro all’aereo e anche di compiere evoluzioni: la tavola è attaccata all’aereo e questo permette a «chiunque» di poter surfare tra le nuvole

Ma è davvero possibile?
Niente atterraggio per i wingboarder: alla fine della sessione l’atleta sarà costretto a lanciarsi con il paracadute insieme alla sua tavola, anch’essa dotata di un piccolo paracadute. Lo sport è particolarmente estremo, ma di fatto fattibile tanto che Wypyszynkski ha già realizzato un modello in scala 1:40 della propria invenzione con tanto di manichino surfista. Demo che peraltro dimostra come la tavola sia particolarmente stabile e come sia semplice compiere evoluzioni davvero spettacolari. Entro la fine del 2016 Wypyszynkski  dovrebbe realizzare un prototipo in scala 1:1 dal valore di 200mila euro e per questo si sta affidando alle varie piattaforme di foundraising. Roba da veri duri, ma sai che emozione.