9 agosto 2022
Aggiornato 00:00
Covid-19

Matteo Bassetti: «Governo cambi modalità con cui conta i ricoveri Covid»

Il primario della clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova: « Avere il tampone positivo non significa essere malati. Vaccino ai bimbi? Pediatri si sono espressi»

Matteo Bassetti, primario della clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova
Matteo Bassetti, primario della clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova Foto: ANSA

GENOVA - «Il governo dovrebbe profondamente rivedere la modalità con cui si contano i ricoveri». Lo ha detto il primario della clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova, Matteo Bassetti, a Tv2000 ospite del programma 'Il mio medico'. «Un conto è - ha aggiunto Bassetti - sapere che ho 100 persone ricoverate in ospedale e tutte con la polmonite da covid. Un altro è avere 100 persone che hanno il tampone positivo. Avere il tampone positivo non significa essere malati. È chiaro che il governo deve cambiare la modalità con cui conta i ricoveri in ospedale».

«Super green pass anche nei centri storici»

«Avremo forse dovuto fare di più per insegnare ad usare le mascherine, quali usare, dove usarle, come usarle. Dopodiché la regola dell'obbligo della mascherina avremmo potuto sistemarla in un modo diverso: vuoi entrare in un centro storico affollato? Anche lì super green pass. Io sono molto più sicuro che in un centro storico in cui sono tutti assembrati sia molto più sicuro dove c'è gente vaccinata o guarita che non gente che usa la mascherina come vuole lui».

«Ridondante obbligo mascherine imposto in alcune città»

«E' già sancito che se c'è un assembramento bisogna mettersi la mascherina. Ritengo ridondante mettere la mascherina all'aperto in un'area particolare sia che ci sia della gente a fianco sia che non ci sia per obbligo. Io credo che dopo quasi due anni che abbiamo a che fare con la pandemia si debba uscire da queste logiche costrittive e si deve andare nella consapevolezza della gente».

«Vaccino ai bimbi? Pediatri si sono espressi»

«Chi deve parlare della vaccinazione pediatrica sono i pediatri che mi pare si siano già ampiamente espressi sulla raccomandazione...la vaccinazione pediatrica è un'opportunità. Sarà compito delle famiglie con i loro pediatri, che sono gli unici che possono parlare della vaccinazione pediatrica, a decider cosa fare. Gli altri farebbero bene, me compreso, a stare zitti».