Genova | Commercio

Genova: tra e-commerce ed edicole digitali

Il capoluogo ligure si sta adeguando investendo sul doppio binario della formazione e di iniziative volte ad incoraggiare l’impiego di strumenti innovativi

Piazza De Ferrari a Genova
Piazza De Ferrari a Genova (Shutterstock.com)

Il rilancio dell’aeroporto di Genova passa anche dal digitale e il nuovo sito diventa accesso privilegiato per coloro che vogliono acquistare i sevizi offerti dall’aeroporto. La novità è il portale www.voladagenova.it dove i passeggeri dello scalo ligure possono acquistare gli ingressi e gli abbonamenti alla nuova Genova Lounge che propone bar, wifi e press reader con oltre 7 mila giornali tra quotidiani e riviste a disposizione dei passeggeri. I servizi acquistabili sul sito di e-commerce dell’aeroporto sono rivolti non solo a chi viaggia per turismo, ma anche a chi per lavoro necessita di un’area dotata di strumenti innovativi per gestire il proprio business. Da qui la possibilità di prenotare sale meeting da abbinarsi al ticket per il parcheggio e la prenotazione di pranzi e colazioni di lavoro.

Si tratta di un’innovazione che si affianca ai progetti di digitalizzazione per il rilancio delle attività commerciali della città tra cui la proposta della Confesercenti di Genova dell’Edicola 4.0. Se l’attività tradizionale del giornalaio ha conosciuto in questi ultimi anni una crisi profonda dovuta soprattutto all’accesso ai contenuti informativi da smartphone e tablet ecco che il digitale diventa uno strumento utile al rilancio di queste stesse attività. La proposta dell’Edicola 4.0 si propone di implementare i servizi offerti dalle edicole tradizionali che diventano spazi per offrire ai cittadini servizi di allerta meteo in tempo reale, erogare certificati anagrafici per conto del comune o fungere da hotspot per la connessione wifi.

Anche la provincia di Genova si dimostra particolarmente sensibile all’innovazione digitale visto che da un recente sondaggio condotto da Amazon, colosso americano dell’e-commerce, tra i borghi italiani con meno di 150 abitanti quelli presenti nel territorio genovese hanno ottenuto posizioni rilevanti per il numero di acquisti online effettuati. Gorreto si colloca in 16esima posizione, mentre Rondanina e Fascia sono rispettivamente al 55esimo e al 70esimo posto.  La classifica stessa delle regioni italiane conferma il trend seguito dai piccoli borghi con la Liguria al quarto posto dopo Piemonte, Lombardia e Abruzzo.

In città le opportunità offerte dal digitale si traducono in iniziative concrete a sostegno degli imprenditori che vogliono innovare la loro azienda. Lo scorso Dicembre si è tenuto presso la Camera di Commercio di Genova un incontro per parlare delle novità e delle opportunità che la trasformazione digitale può offrire alle imprese. Un’iniziativa che richiama alla mente un altro incontro tenutosi a Maggio dello scorso anno dal titolo Fare e-commerce, organizzato da Google, Camera di Commercio e Unioncamere nell’ambito degli eventi Eccellenze digitali. All’appuntamento imprenditori più o meno giovani si sono trovati ad affrontare le sfide del nuovo mercato digitale dell’e-commerce e a ad ascoltare le esperienze tra gli altri di Roberto Panizza, imprenditore genovese titolare della Rossi 1974 Srl che è stato uno dei primi in Liguria ad investire in questo settore.

L’e-commerce rappresenta infatti un’opportunità importante non solo per le grandi aziende come la già citata Amazon, ma anche per le piccole e medie imprese genovesi che possono far decollare il proprio business grazie al commercio online.

Attualmente esistono ad esempio software come Packlink che permettono al venditore di gestire agevolmente la spedizione del prodotto a tariffe estremamente vantaggiose. La semplicità di gestione di strumenti come Packlink permette di scegliere prezzi e servizi di corrieri nazinali (SDA, BRT e Poste Italiane) e internazionali (Packlink è partner di TNT e UPS) che garantiscono i tempi di consegna più flessibili sul mercato per intercettare un utente finale sempre più mobile.

Queste opportunità nascono ovviamente dall’incontro tra una formazione adeguata e strumenti digitali semplici ed efficienti per poter poter accedere ad un mercato sempre più orientato verso gli acquisti online. La crescita in Italia di questo settore è stata nel 2017 del +17% rispetto all’anno precedente, mentre gli acquisti online di prodotti sono cresciuti del 28%.

Segno evidente di un mutamento a cui la città di Genova si sta adeguando investendo sul doppio binario della formazione e di iniziative volte ad incoraggiare l’impiego di strumenti innovativi per affrontare le future sfide del mercato.