Gridava contro islamici

Furgone contro fedeli vicino moschea di Londra: un morto

Un uomo è morto e altre otto persone sono rimaste ferite. Lo ha riferito la polizia, precisando che il 48enne alla guida del veicolo è stato arrestato dopo "che era stato bloccato dalla gente sul posto"

LONDRA - Un uomo è morto e altre otto persone sono rimaste ferite dopo che un furgone è piombato su una folla di pedoni nei pressi di una moschea nel Nord di Londra. Lo ha riferito la polizia, precisando che il 48enne alla guida del veicolo è stato arrestato dopo «che era stato bloccato dalla gente sul posto». Sull'accaduto sta ora indagando l'antiterrorismo. Secondo diverse organizzazioni musulmane, sarebbero stati presi di mira i fedeli della moschea di Finsbury Park. A quanto riportato si tratterebbe di un attacco contro la comunità musulmana: l'attentatore avrebbe urlato frasi contro l'islam.

«Un uomo è stato dichiarato morto sul posto» e «otto feriti sono stati portati in tre diversi ospedali», ha detto la polizia in un comunicato. Altre due persone sono state curate sul posto per «lesioni non gravi». «Il conducente del furgone, un uomo di 48 anni, è stato trovato bloccato dalla popolazione sul posto ed è stato quindi arrestato dalla polizia - si legge ancora nella nota - è stato condotto in ospedale per precauzione». La polizia ha precisato che verrà sottoposto a valutazione psicologica.

«In questa fase dell'inchiesta non sono stati identificati altri sospetti», ha proseguito la polizia, sottolineando che «per la natura di quanto accaduto, sono stati dispiegati rinforzi per rassicurare le comunità», in particolare quella musulmana che sta «osservando il Ramadan».