19 dicembre 2018
Aggiornato 11:05

Ora i migranti sbarcati dall'Aquarius chiedono di non restare in Francia

Dalla Spagna la notizia che metà delle persone sbarcate domenica a Valencia ha chiesto asilo politico in Francia. Dove nessuno però li vuole

I migranti a bordo dell'Aquarius
I migranti a bordo dell'Aquarius (Facebook / SOS MEDITERRANEE)

SPAGNA - Circa la metà dei 630 migranti soccorsi dall'Aquarius e approdati ieri nel porto spagnolo di Valencia vogliono chiedere asilo in Francia. Lo ha annunciato oggi il governo del socialista Pedro Sanchez. «Quasi la metà dei migranti ha dichiarato di voler chiedere asilo in Francia, Paese che si è offerto di accogliere una parte delle persone soccorse dalla nave» Aquarius, ha precisato il governo in un comunicato. Il governo spagnolo aveva annunciato sabato di aver accettato la proposta della Francia di accogliere una parte dei migranti dell'Aquarius. Interpellato dall'Afp, il direttore generale dell'Ufficio francese di protezione dei rifugiati e degli apolidi (Ofpra), Pascal Brice, ha reso noto che una sua squadra raggiungerà prossimamente Valencia.

La situazione
«Dopo che le autorità spagnole ci avranno comunicato il numero delle persone interessate, una squadra dell'Ofpra si recherà sul posto per effettuare le interviste e assicurarsi che i richiedenti rientrino nella categoria degli aventi diritto all'asilo», che dovrebbe avvenire «nella settimana», ha precisato. Arrivati ieri a Valencia dopo essere stati rifiutati dall'Italia, i 630 migranti soccorsi nella notte fra il 9 e il 10 giugno al largo della Libia, usufruiranno di «un permesso di ingresso straordinario di 45 giorni in Spagna per ragioni umanitarie», durante il quale sarà esaminato il loro status, ha informato il governo di Madrid.

Il 56% dei francesi appoggia Macron sul 'no" all'Aquarius
Nelle stesse ore un sondaggio OpinionWay ha evidenziato come il 56% de francesi sostiene la decisione del governo di non aver offerto un porto alla nave Aquarius che trasportava i 630 migranti soccorsi al largo della Libia dopo che l'Italia si era rifiutata di concedere un approdo sicuro in un suo scalo marittimo. L'Aquarius, operata dalla Ong francese SOS Mediterranee, dopo un girovagare di giorni si è ancorata ieri in Spagna. Le autorità locali della Corsica si erano offerte di accogliere la nave, ma l'iniziativa è stata bocciata dal Parigi secondo cui sulla base del diritto internazionale doveva attraccare nel porto più vicino. Macron è sotto pressione per chiudere le rotte della migrazione dall'Africa per i grandi sentimenti anti-immigrazione nel suo Paese.