Esteri | Russia

Russia, aereo precipitato: tutto quello che sappiamo finora

Cosa sappiamo sullo schianto dell'Antonov 148 con 71 morti

Aereo caduto nei pressi di Mosca
Aereo caduto nei pressi di Mosca (EPA / Russian Emergencies Ministry press service)

MOSCA - Le condizioni climatiche non aiutano gli inquirenti russi, che stanno indagando le cause dello schianto dell'aereo di linea Antonov 148, caduto vicino a Mosca con a bordo 71 persone, tra cui un cittadino svizzero e un azero. Si lavora su uno spesso strato di neve, vagliando tutte le ipotesi: le condizioni climatiche, il fattore umano o un problema tecnico, mentre appare esclusa la pista del terrorismo poichè non sono state rinvenute tracce di esplosivo.

Putin cancella l'incontro a Sochi
A causa della tragedia il leader del Cremlino Vladimir Putin ha cancellato un viaggio a Sochi (Sud), dove avrebbe ricevuto il presidente palestinese Abu Mazen, secondo quanto riferito da Dmitri Peskov, suo portavoce. L'incontro si svolgerà a Mosca, vicino alle indagini sulla strage.

Dove
Lo schianto è avvenuto nel distretto di Ramenski, circa 70 km a Sud-est di Mosca, vicino al villaggio di Stepanovskoye. Il ministro delle Emergenze Vladimir Pushkov sul luogo dell'incidente durante la notte, ha annunciato la fine delle operazioni di salvataggio per far posto alla ricerca di corpi e detriti.

Chi erano le vittime
L'elenco delle vittime pubblicato dalle autorità comprende due stranieri, uno svizzero e un azero, e tre minori, il più giovane di cinque anni. Il cittadino svizzero si stava dirigendo a Orsk per il lancio di una nuova unità di una raffineria locale, secondo un portavoce delle autorità locali citato da Interfax. La maggior parte dei passeggeri proveniva dalla regione di Orenburg, dove si trova Orsk, il cui governatore ha decretato un giorno di lutto. 

Il velivolo
L'aereo di linea, un Antonov An-148 della compagnia Saratov Airlines, entrato in servizio nel 2010, si è schiantato nei pressi di Mosca, ieri, poco dopo essere decollato dall'aeroporto di Domodedovo. L'aereo è scomparso dagli schermi radar alle 12.28 ora di Mosca, quattro minuti dopo il decollo verso Orsk, una città degli Urali al confine con il Kazakistan. L'Antonov 148 è un bimotore del produttore ucraino Antonov e ha compiuto il suo primo volo nel 2004. A corto raggio può trasportare fino a 85 passeggeri su una distanza di 3.500 chilometri. Dalla sua entrata in servizio questo tipo di velivolo ha subito almeno cinque incidenti che coinvolgono il carrello di atterraggio, l'impianto elettrico e il sistema di guida.

Precedenti
L'ultimo incidente mortale di un aereo in territorio russo risale al 24 dicembre 2016, quando un Tupolev Tu-154 appartenente al Ministero della Difesa si è schiantata poco dopo essere partito da Adler alla volta della base aerea russa di Hmeimim, in Siria. Tra le vittime c'erano oltre 60 membri del coro dell'Armata Rossa e il direttore artistico Valerij Khalilov.

La neve e le cause
Sul luogo dell'incidente, le operazioni di ricerca, che hanno mobilitato diverse centinaia di persone tutta la notte, sono rese difficili da un pesante strato di neve e impongono l'uso di motoslitte e spazzaneve. Un'inchiesta è stata aperta per identificare possibili violazioni delle regole di sicurezza, ha annunciato il comitato investigativo russo. «Vengono studiate tutte le possibili versioni del disastro, comprese le condizioni climatiche, il fattore umano o le condizioni tecniche dell'aeromobile», si afferma. 

La compagnia
I dipendenti della Saratov Airlines e gli impiegati dell'aeroporto che hanno preparato l'aereo per i controllori del decollo e del traffico aereo. Nessun problema tecnico è stato identificato prima della partenza, secondo il comitato investigativo. L'Antonov-148 era stato commissionato nel 2010, ha fatto sapere la Saratov Airlines in una dichiarazione. Con sede a Saratov (Volga), la compagnia opera principalmente con aeromobili russi Antonov o Yakovlev e non è mai stata coinvolta in un incidente mortale dalla fine dell'URSS nel 1991. Serve principalmente città provinciali in Russia e capitali del Caucaso.

L'unico che ha scampato la morte
Fatica a credere di essere ancora vivo l'unico passeggero che aveva comprato il biglietto, ma non si era imbarcato. Si tratta di Maxim Kolomeitsev, residente a Sochi. Dello schianto dell'An-148 ha appreso dai conoscenti. E si è reso conto di essere vivo davvero per miracolo.