18 ottobre 2018
Aggiornato 17:00

Nordcorea, Washington vuole lo stop dei test nucleari prima di avviare un dialogo

Lo ha affermato oggi l'ambasciatore americana all'Onu, signora Nikki Haley: «Non è una cosa che si fa dall'oggi al domani»
Il Presidente americano, Donald Trump
Il Presidente americano, Donald Trump (ANSA)

WASHINGTON - Lo stop ai test nucleari nordcoreani è la prima precondizione affinché gli Stati Uniti accettino di avviare un dialogo con il regime di Pyongyang, ha affermato oggi l'ambasciatore americana all'Onu, signora Nikki Haley.
I nordcoreani «devono fermare i loro test. Devono essere d'accordo a parlare del divieto delle loro armi nucleari» prima di qualsiasi discussione, ha spiegato Haley in un'intervista ad ABC News, sottolineando che lo stop dei test nucleari dovrebbe durare «un periodo sufficientemente lungo», prima che i negoziati possano passare alla «fase successiva». «Non è una cosa che si fa dall'oggi al domani», ha spiegato Haley.
Il presidente americano Donald Trump aveva detto ieri di essere pronto ad interloquire con il leader nordcoreano Kim Jong-Un, mentre anche da parte di PyongYang ci sono state timide aperture nei confronti della Corea del Sud.

Accordo tra Corea del Nord e Seoul per incontro tra le delegazioni
C'è accordo per l'incontro di alto livello tra rappresentanti della Corea del Nord e della Corea del Sud martedì per discutere della partecipazione degli atleti nordcoreani ai Giochi Olimpici invernali che si svolgeranno il prossimo mese nel Sud. Pyongyang ha inviato una lista dei suoi delegati a Seoul, ha reso noto il ministero per l'Unificazione sudcoreano.
La delegazione nordcoreana incontrerà la sua controparte nel villaggio simbolo della tregua tra le due Coree, Panmunjom, e sarà guidata da Ri Son-Gwon, alto responsabile dell'agenzia nordcoreana che gestisce gli affari tra i due Paesi. Pyongyang ha informato Seoul che altri quattro funzionari accompagneranno Ri, tra cui quelli incaricati delle questioni sportive.
Il ministero per l'Unificazione ha spiegato che ulteriori dettagli dell'atteso incontro, il primo in due anni, saranno discussi sulla linea rossa.