Economia

L'Italia è nella trappola delle «low skills»: pochi laureati e lavoratori non preparati (lo dice l'Ocse)

L'Ocse lancia l'allarme sull'Italia. Nel Belpaese i lavoratori hanno competenze troppo basse rispetto a quelli degli altri Paesi economicamente avanzati e ci sono pochi laureati

L'Ocse lancia l'allarme: l'Italia è nella trappola delle low skills.
L'Ocse lancia l'allarme: l'Italia è nella trappola delle low skills. (ANSA/GIORGIO ONORATI)

ROMA - L'Ocse lancia l'allarme sull'Italia. Nel Belpaese i lavoratori hanno competenze troppo basse rispetto a quelli degli altri Paesi economicamente avanzati. Lo Stivale ha fatto progressi su formazione e competenze dei lavoratori, è vero, ma resta molto indietro rispetto alla media dei Paesi avanzati e questo tipo di problema si riscontra a tutti i livelli del panorama occupazionale: non solo in Italia ci sono meno laureati che altrove, ma inoltre il problema della mancanza di competenze è trasversale dai 25enni ai 65enni e non risparmia gli stessi laureati. Lo rileva l'Ocse nell'indagine sulle competenze degli adulti (Piaac), presentata oggi nel corso di una conferenza stampa al ministero dell'Economia. «Attualmente l'Italia è intrappolata in un low-skills equilibrium - avverte l'ente parigino - un basso livello di competenze generalizzato, in cui la scarsa offerta è accompagnata da una debole domanda da parte delle imprese». Lo studio, oltre ad elencare le problematicità, contiene anche una lunga lista di possibili interventi e raccomandazioni. Non manca anche un messaggio chiave di stimolo, sulla possibilità di superare questi problemi: «nel confronto con gli altri paesi i lavoratori italiani mostrano buoni livelli di competenza riguardo alla 'rapidità d'apprendimento e problem solving'. Ciò suggerisce che, in Italia, politiche mirate di istruzione e formazione della forza lavoro - dice l'Ocse - potrebbero favorire un miglior (più intensivo) uso delle competenze elevate sul posto di lavoro».

L'Ocse lancia l'allarme sull'Italia: low skills
In generale i lavoratori italiani «possiedono un basso livello medio di competenze e hanno, rispetto a quanto avviene in altri paesi, minori probabilità di utilizzare specifiche competenze cognitive, che sono importanti nella performance dei lavoratori e delle imprese». Le carenze si ritrovano anche tra laureati e importanti riforme attuate nell'ultimo decennio, che pure l'Ocse giudica «importanti» richiederanno tempo per concretizzarsi in qualifiche più alte. Peraltro i problemi non riguardano solo i lavoratori: «più alti livelli di competenze contribuiranno ad una crescita più forte e più stabile solo se le imprese saranno capaci di usarle pienamente ed efficacemente", prosegue l'Ocse.

I lavoratori italiano hanno basse competenze
E questo concorre a creare quello che l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico battezza «low-skills equilibrium». In pratica «un basso livello di competenze generalizzato: una situazione in cui la scarsa offerta di competenze è accompagnata da una debole domanda da parte delle imprese». Accanto a molte imprese, relativamente grandi, che competono con successo sul mercato globale, ve ne sono tante altre che operano con un management dotato di scarse competenze e lavoratori con livelli di produttività più bassi. Modesti livelli di skills dei managers e dei lavoratori si combinano con bassi investimenti in tecnologie che richiedono alte competenze dei lavoratori e con scarsa adozione di pratiche di lavoro che ne migliorino la produttività. «Questo - dice l'Ocse - genera un circolo vizioso».

L'80% delle imprese in Italia è a conduzione familiare
In parte questa spirale si spiega dal modo in cui il lavoro viene progettato e concepito, e dal modo in cui le imprese sono gestite. In Italia, le imprese a gestione familiare rappresentano più dell'85% del totale, e circa il 70% dell'occupazione del paese. Ma i manager delle imprese a gestione familiare spesso non hanno le competenze necessarie per adottare e gestire tecnologie nuove e complesse. Inoltre, il livello dei salari in Italia è spesso correlato all'età e all'esperienza del lavoratore piuttosto che alla performance individuale, caratteristica che disincentiva nei dipendenti un uso intensivo delle competenze sul posto di lavoro. A fronte di questo quadro, lo studio fornisce appunto una lunga lista di possibili iniziative.

Cosa fare per uscire dall'impasse
Sul numero di laureati la prima è di migliorare l'accesso all'istruzione terziaria, specialmente per gli studenti che provengono da un contesto socio economico sfavorevole, per esempio, estendendo l'accesso alle borse di studio all'interno del Patto di Stabilità. Bisogna poi rafforzare la qualità e la pertinenza delle competenze acquisite nell'istruzione terziaria, e al contempo migliorare la sostenibilita finanziaria del sistema, specialmente nel Sud, tramite incentivi. Secondo l'Ocse poi bisogna aumentare la dimensione, la diffusione e migliorare la qualità delle istituzioni educative terziarie professionali, incoraggiandole a fornire formazione professionale che rifletta la specializzazione economica del territorio ed anche a migliorare la collaborazione con le imprese.

Più formazione e più sussidi per i lavoratori
Guardando a coloro che sono già sul posto di lavoro, secondo loo studio bisogna intanto rendere il sistema dell'istruzione piu reattivo alle esigenze degli adulti con bassi livelli di competenze, aumentando la flessibilità dei percorsi formativi (per esempio, attraverso un'offerta piu consistente di formazione part-time e on-line) e migliorare l'accesso agli asili nido. I fondi disponibili per la formazione vanno usati per sviluppare le competenze che sono veramente richieste sul mercato del lavoro (come le competenze che preparano i lavoratori ad adattarsi al rapido cambiamento tecnologico e alla globalizzazione). Va corretta la distorsione che penalizza l'accesso alla formazione per gli adulti con basse competenze, mettendo a disposizione di questa categoria di lavoratori sussidi appositamente concepiti.

Il problema della disparità di genere
Sul persistente problema delle disparità di genere e per età, l'Ocse raccomanda di incoraggiare i padri a richiedere piu permessi retribuiti per i figli, anche con l'estensione della durata dei congedi di paternità. Va incoraggiata la diffusione di orari di lavoro flessibili per aiutare i genitori a conciliare gli impegni del lavoro e della famiglia e vanno rafforzati gli incentivi finanziari e non-finanziari alle imprese per fornire opzioni di lavoro flessibile ai dipendenti. E' altresì necessario assicurare la disponibilita e l'accessibilita a costi contenuti delle strutture per la prima infanzia e di assistenza per gli anziani. Bisogna continuare ad allargare l'offerta di strutture per alleviare il peso dell'assistenza per le famiglie, ed in particolar modo per le donne.

Le indicazioni dell'Ocse
L'Ocse suggerisce anche di rivedere il sistema fiscale sul secondo percettore per migliorare gli incentivi finanziari all'inserimento lavorativo di entrambi i coniugi. E di fornire servizi di orientamento migliori e piu sistematici per i giovani a tutti i livelli di istruzione. Cio ridurrebbe il peso del background familiare sui livelli di istruzione dei giovani e sulle loro scelte di carriera e garantirebbe che gli studenti prendano decisioni informate, in sintonia con i loro interessi, le loro preferenze, il merito e le esigenze del mercato del lavoro. Il rapporto chiede anche un intervento di politica globale per aumentare la domanda di lavoratori altamente qualificati in modo da sfruttare appieno l'offerta di competenze e creare incentivi per incrementarla ulteriormente; di estendere i percorsi di alternanza scuola lavoro ad altri livelli d'istruzione, ovvero non solo con la scuola ma anche a livello post-secondario e terziario/universitario.