16 ottobre 2021
Aggiornato 11:00

Coldiretti Salerno: Assemblea Straordinaria

L’Organizzazione al passo con i tempi e le esigenze delle imprese e della società

«Coldiretti al passo con i tempi guardando alle esigenze delle imprese e della società». E’ questo lo slogan con cui Pietro Caggiano, Presidente della Coldiretti di Salerno ha dato il via ai lavori dell’Assemblea straordinaria della Coldiretti provinciale tenutasi ieri.

«Un progetto per Salerno e la sua provincia, nel quale Coldiretti è parte determinante e attraverso il quale attuare la strategia finalizzata ad avvicinare produttori e consumatori. Aprire Farmers Market (N.d.R. punti vendita di prodotti agricoli dal produttore al consumatore) nei piccoli e grandi centri della provincia, promuovere il consumo di prodotti a kilometro zero, denunciare le situazioni di abuso del territorio, riposizionare la figura dell’imprenditore agricolo come soggetto economico in grado di tutelare l’ambiente, condividere le politiche di tutela del made in Italy attraverso la Fondazione «Campagna Amica», sono solo alcune delle attività che ci vedranno impegnati nei prossimi mesi.

La Coldiretti di Salerno ha bisogno di rafforzare il contatto con il territorio, con gli imprenditori agricoli, che con la loro attività di impresa quotidianamente contribuiscono sia alla salvaguardia del territorio sia a generare ricchezza attraverso l’ingente indotto che l’agricoltura genera. Occorre crescere e guardare avanti con fiducia, nuove sfide attendono il settore agricolo, una in particolare è rappresentata dalla partenza dell’accordo «Euromed» tra i paesi che si affacciano sul bacino del mediterraneo, che apriranno le proprie frontiere a partire dal 2010 consentendo la libera di circolazione di persone e merci. Infatti, giungeranno sui mercati produzioni agricole a basso costo dei paesi della fascia sub sahariana, con una prevedibile depressione dei mercati.

Per contrastare ciò dobbiamo spiegare ai consumatori che il made in Italy è sinonimo di origine, tracciabilità, sicurezza alimentare: regole chiare a vantaggio sia di chi consuma che di chi produce. Ma Coldiretti che, sia a livello nazionale che provinciale, rappresenta la maggioranza delle imprese agricole oggi inizia anche un nuovo percorso di crescita nell’economico; infatti, è stato approvato dall’Assemblea il nuovo Statuto della Federazione che consentirà di poter diventare soci di Coldiretti anche alle società agricole, alle cooperative, ai consorzi, oltre naturalmente ai singoli imprenditori coltivatori diretti. Ciò corrisponde all’iniziativa messa in atto da Coldiretti per associare al proprio progetto di rigenerazione le realtà cooperative, azione che a livello nazionale ha raggiunto già la quota di 1300 adesioni. Tra le nuove funzioni – precisa Caggiano – c’è quella di promuovere e sostenere i gruppi di base di Giovani Impresa, Donne Impresa ed Associazione Pensionati. Il futuro di Coldiretti Salerno è segnato dalla crescita nella rappresentanza, nella serietà progettuale, nella capacità di indirizzo e nella profonda radicazione con il territorio che ne fanno una vera e propria forza sociale.