> <
RSS
28/02/2015 17:03

Non chiamateli terroristi. L'Isis «è una forza insurrezionale combattente»

foto della notizia

Sgombra subito il campo Germana Tappero Merlo, senior analyst in antiterrorismo e sicurezza, per diversi organismi nazionali e internazionali, e consulente per società private di sicurezza. Studiosa di relazioni internazionali, conflitti e terrorismo dell'area mediorientale, Tappero Merlo cura il sito «Global trend & Security», tra i più cliccati dagli esperti in materia.

24/02/2015 05:58

L'Isis torna a minacciare l'Italia

foto della notizia

Lo Stato islamico lancia nuovi e minacciosi messaggi all'Italia: se dovesse scendere in guerra contro il terrorismo in Libia, il Mediterraneo diverrebbe una pozza di sangue. La minaccia è quella concreta di scatenare «potenziali lupi solitari italiani» contro la culla della cristianità.

19/02/2015 19:00

Sel accusa il M5S: Avete bloccato il «sì» alla Palestina

foto della notizia

Si sarebbero dovute votare oggi le mozioni che chiedono al Parlamento italiano di riconoscere lo Stato della Palestina. Invece, a causa della fiducia sul decreto Milleproroghe chiesta dal governo per l'ostruzionismo dell'M5S, il voto slitta. Per il primo firmatario della mozione Erasmo Palazzotto (Sel), sarebbe stato un importante segnale di pace per tutto il mondo arabo.

18/02/2015 10:00

«In Libia non possiamo più perdere tempo»

foto della notizia

Parole dure e gravi, quelle di Gentiloni alla Camera. Parole che hanno sottolineato l'urgenza di intervenire perseguendo la via diplomatica e politica. Perché, ha dichiarato tra le righe il ministro, la comunità internazionale deve ritenersi parzialmente responsabile dell'attuale crisi, e deve astenersi da avventure e crociate. In tutto ciò, ha assicurato Gentiloni, l'Italia sarà in prima linea.

18/02/2015 07:17

Isis: ora tocca alla Tunisia?

foto della notizia

Secondo Abdallah Al Thani, leader del governo riconosciuto dall'Occidente, milizie jihadiste dello Stato Islamico e quello di Boko Haram hanno raggiunto o stanno raggiungendo i gruppi terroristici presenti in Libia e stanno marciando verso l'ex colonia francese, dover però la notizia non viene riportata. Intanto rumors parlano di uno sconfinamento di truppe egiziane in suolo libico

16/02/2015 19:00

Pini: «Basta mandare i nostri soldati a combattere per gli interessi degli altri»

foto della notizia

Mentre il collega Fedriga ha ottenuto che già domani il governo riferisca alla Camera sulla crisi libica, Gianluca Pini, vice capogruppo del Carroccio al Senato, giudica dilettantistico il comportamento del Governo, e completamente inutile il ruolo della Mogherini. E anticipa che la Lega sosterrà l'intervento solo se l'Italia avrà un ruolo centrale. Per non ripetere gli errori del 2011.

16/02/2015 13:42

Nei fatti danesi l'ombra di Charlie Hebdo

foto della notizia

Un inquietante effetto «emulazione» che potrebbe diffondersi a macchia di leopardo dentro società sempre più multiculturali, complesse, ricche - ammesso sia una ricchezza - di nicchie e sacche di emarginazione, risentimento e sentimenti identitari potenzialmente esplosivi.

14/02/2015 14:41

La polveriera Libia

foto della notizia

La minaccia dell'Isis è ormai arrivata alle porte dell'Europa. Fino a qualche settimana fa si trattava solo di una possibilità da scongiurare, ma con la caduta di Sirte nelle mani del Califfo nero, il timore si è trasformato in certezza. Con dirette minacce all'Italia, che si trova - dicono i jihadisti - a gittata di missile.

03/02/2015 19:30

Buonanno: «La Chiesa troppo dura con il bisturi, troppo clemente con il burqa»

foto della notizia

Il cardinal Ravasi definisce la chirurgia estetica «burqa di carne», ed è subito polemica. Per il leghista Buonanno, la Chiesa dovrebbe occuparsi dei «propri burqa», come della pedofolia. E, al di là degli eccessi condannabili, rifarsi è libertà, indossare il velo no. Eppure, siamo sicuri che burqa da un lato e sovraesposizione del corpo dall'altro non siano i due volti dello stesso male?

03/02/2015 13:00

Vista dall'estero, la legge anti-moschee è degna di Kafka e Orwell. Oltre a odorare di incostituzionalità

foto della notizia

C'era da aspettarselo. La legge anti-moschee varata dalla giunta Maroni in Lombardia ha attirato molte critiche. E non soltanto dalle opposizioni - che la accusano di essere incostituzionale - e dalla comunità islamica - che la paragona alle leggi razziali del 1938. Ad analizzarla sarcasticamente e criticamente, anche il docente dell'Università di Bristol e giornalista inglese John Foot.

02/02/2015 13:00

Isis: Tutto quello che bisogna sapere

foto della notizia

Il Califfato islamico che vuole conquistare Roma, è uno 'Stato' con un territorio di circa 270mila chilometri quadrati e una popolazione di quasi 11 milioni di abitanti, guidato da un 'Califfo' carismatico alla guida di un «governo» con tanto di ministeri: da quello della Guerra all'Istruzione, dall'Informazione alla Giustizia. Ecco tutto quello che bisogna saper esull'Isis.

28/01/2015 13:10

Niente più moschee in Lombardia. I musulmani preghino pure, ma a casa loro

foto della notizia

Approvata in Lombardia la norma già ribattezzata «anti-moschee», che pone rigidissime limitazioni alla costruzione di nuovi minareti. Per la Lega, si tratterebbe di un provvedimento necessario per la sicurezza dei cittadini. Per le opposizioni, invece, il provvedimento sarebbe in odore, oltre che di incostituzionalità, di islamofobia. E rischierebbe di rilevarsi controproducente.

19/01/2015 13:48

«Lasciamo stare lo scontro di civiltà. Parliamo di condizione della donna e di embarghi più o meno giusti»

foto della notizia

Dopo i fatti di Parigi, siamo davvero di fronte a uno scontro di civiltà? Quegli attentati e la riscossa dell'Isis sono davvero la conseguenza di un Islam che incita alla violenza? E che fine hanno fatto le primavere arabe? Al DiariodelWeb.it, parla Biancamaria Scarcia Amoretti, esperta orientalista e Professore Emerito di Islamistica alla Sapienza di Roma

18/01/2015 19:00

«Parabola» del pugno: Francesco non è Charlie

foto della notizia

Lontanissimi i tempi del discorso di Ratisbona di Papa Ratzinger, che opponeva la «ragionevolezza» della fede cristiana con l'irragionevole violenza portata da Maometto (o almeno, così fu da molti interpretato). Francesco, con la «parabola» del pugno, difende il rispetto dovuto a ogni fede. E ricorda che anche i Cristiani uccisero in nome di Dio

> <

Ultime notizie

Leggi tutte

I più visti

» Top 50