6 luglio 2015
Aggiornato 09:00

> <
RSS
29/06/2015 13:09

La «Via della Seta economica» passa dal Kazakhstan per ENI e Sace

foto della notizia

I due gruppi hanno annunciato di aver siglato importanti accordi commerciali con il Paese centro-asiatico. Il Cane a sei zampe ha raggiunto un accordo sui diritti di sfruttamento del sottosuolo per la ricerca e la produzione di idrocarburi nel blocco di Isatay. Il gruppo assicurativo sta lavorando a nuovi progetti per un impegno complessivo di 800 milioni di euro

25/06/2015 14:48

L'Ue vuole dire addio al gas russo grazie al Gnl americano

foto della notizia

Durante l'incontro fra il ministro dello Sviluppo Guidi e il commissario all'Energia Cañete si è «discussa la situazione degli approvvigionamenti europei, anche alla luce dei recenti annunci di nuovi progetti di importazione di metano da Mosca. E' stata rilevata la forte importanza di uno sviluppo dell'uso del Gas liquefatto nell'ambito del rafforzamento del mercato unico dell'energia»

16/06/2015 14:58

ENI ed ENEL dimezzano gli infortuni

foto della notizia

La società energetica ha visto crollare negli ultimi 5 anni del 50% l'indice di frequenza degli infortuni sul lavoro del suo personale e di quello delle imprese appaltatrici. Per il Cane a sei zampe già nel 2013 gli indici infortunistici sono risultati top performer nel settore Oil & Gas, dato migliorato nel 2014 del 15% proseguendo un trend di diminuzione che è stato di oltre il 60% in 6 anni

15/06/2015 13:08

Le sliding doors della Farnesina portano all'ENI

foto della notizia

Il viceministro degli Esteri, Lapo Pistelli, ha annunciato che lascerà il governo per diventare vicepresidente senior del Cane a sei zampe dal prossimo 1 luglio. «Mi occuperò di promuovere il business internazionale e di tenere i rapporti con gli stakeholders – in Africa e Medio Oriente – e dei progetti sulla sostenibilità»

11/06/2015 15:10

ENEL contro le sanzioni alla Russia

foto della notizia

L'amministratore delegato della società energetica, Francesco Starace, dopo aver incontrato il presidente russo, Vladimir Putin ha spiegato che a Mosca «ci sono prospettive» per la sua azienda, ma che a causa delle limitazioni commerciali imposte al Paese «queste prospettive si andranno riducendo»

09/06/2015 15:31

Perché pagheremo caro il petrolio a buon mercato

foto della notizia

L'ad di Eni, Claudio Descalzi ha ricordato quanto avvenne sui mercati energetici nel 2008, anno che segnò anche l'inizio della crisi finanziaria mondiale: «I prezzi bassi vanno benissimo oggi, dopo che Europa e Asia vengono da un logoramento di sei anni di prezzi alti, ma tutte le compagnie hanno tagliato drasticamente costi, investimenti e progetti»

01/06/2015 07:00

I petrolieri europei scendono in campo contro il cambiamento climatico

foto della notizia

Cinque fra le maggiori compagnie energetiche, fra cui l'Eni, hanno chiesto che venga istituito un sistema per la tariffazione globale della C02. «Lo dobbiamo alle generazioni future, dobbiamo cercare soluzioni realistiche e praticabili per vincere la sfida e riuscire a fornire più energia e, contemporaneamente, lottare contro i cambiamenti climatici» hanno scritto in una lettera al Financial Times

20/05/2015 21:00

ENI scopre un nuovo giacimento di gas in Libia

foto della notizia

La scoperta è stata fatta nelle acque del bacino di Sabratha a 140 km dalla costa. Durante i primi test è stato possibile estrarre quantità di condensato pari a 868 barili al giorno. Nei mesi scorsi il Cane a sei zampe aveva scovato altre importanti riserve di metano nelle vicinanze

20/05/2015 12:10 Video

L'importanza dell'accesso all'energia in Africa

foto della notizia

Il seminario è stato organizzato dall'associazione Wame (World access to modern energy) in occasione di Expo 2015, per far conoscere il problema dell'esclusione dall'accesso a fonti energetiche moderne di una larga parte della popolazione mondiale e soprattutto valorizzare le moltissime esperienze che, nel mondo, affrontano il problema.

14/05/2015 21:00

L'indagine sull'ENI in Nigeria

foto della notizia

Grillo ha attaccato l'ad del cane a sei zampe, Claudio Descalzi «coinvolto, spero da innocente, in inchieste» per tangenti. Lo scorso anno la Procura di Milano ha aperto un fascicolo contro lui il suo predecessore Paolo Scaroni, il capo della divisione esplorazioni Roberto Casula e il faccendiere Luigi Bisignani per corruzione internazionale, per ottenere la concessione del campo nigeriano Opl 245

14/05/2015 15:00

ENI e la clausola di onorabilità

foto della notizia

La norma sancisce l'ineleggibilità o la decadenza per quei dirigenti che sono stati raggiunti da una condanna, anche non definitiva, per alcune categorie di illeciti tributari, reati contro la pubblica amministrazione o violazioni delle norme del codice penale sulle società, come false comunicazioni sociali, infedeltà patrimoniale, ostacolo all'autorità di vigilanza

14/05/2015 07:00

Processo Saipem: Tullio Orsi chiede il patteggiamento

foto della notizia

L'ex presidente della controllata Eni in Algeria ha proposto di scontare una pena detentiva di 2 anni e 10 mesi e di farsi confiscare 1 milione e 250 mila euro circa. L'ex ad del Cane a sei zampe, Paolo Scaroni, ha chiesto di essere interrogato. Prossima udienza fissata per il 12 giugno. Entrambi con altre 5 persone sono accusati di corruzione internazionale

13/05/2015 14:00

Terremoto Grillo all'assemblea degli azionisti ENI

foto della notizia

Il Cane a sei zampe «da molti anni gestisce un sistema corruttivo a livello internazionale, una attività criminogena fondata su tre gambe: l'attività corruttiva vera e propria», il succedersi dei «governi» complici e «il dissesto politico-sociale dei Paesi che depreda». Poi il leader del M5s annuncia la richiesta di una commissione parlamentare d'inchiesta su Saipem

11/05/2015 07:00

Saipem: riprendono i lavori nel Mar Nero

foto della notizia

La controllata Eni ha ricevuto la notifica della sospensione di revoca delle attività, dalla South Stream Transport, per la posa delle tubature del gasdotto, congelato lo sorso dicembre dal governo russo. Le sue due posa tubi ferme in Bulgaria parteciperanno quindi alla costruzione di Turkish stream. Intanto gli Usa fanno pressioni ad Atene perché non faccia transitare il gas russo

07/05/2015 07:00

ENI, incognita Mozambico

foto della notizia

L'ad del Cane a sei zampe, Claudio Descalzi, è volato a Maputo per incontrare il presidente Filipe Nyusi. I due hanno discusso «sui progressi dei progetti in corso relativi allo sviluppo dell'Area 4». Lì sono stati scoperti 2400 miliardi di metri cubi di gas. Per trasportare il Gnl però servono 40 miliardi di investimenti e lo spettro guerra civile continua ad aleggiare sul Paese

05/05/2015 07:00

Missione in Iran per alcuni dirigenti ENI

foto della notizia

Il Cane a sei zampe ha intenzione di tornare da protagonista a Teheran e per questo alcuni suoi manager hanno incontrato il ministro del Petrolio della Repubblica islamica, Bijan Namdar Zanganeh. La compagnia energetica italiana ha «ribadito il suo interesse per il Paese, a patto che vengano sollevate le sanzioni al Paese e che le condizioni contrattuali siano reciprocamente convenienti»

29/04/2015 07:00

Avvio di 2015 brusco per ENI

foto della notizia

Il Cane a sei zampe ha chiuso il primo trimestre con l'utile netto a 700 milioni (-46%), quello operativo adjusted invece si è attestato a 1,57 miliardi (-55%). Ricavi in calo del 18,5% a 23,79 miliardi di euro, mentre è salito di quasi due miliardi l'indebitamento finanziario netto, passato dai 13,69 miliardi del 31 dicembre 2014 agli attuali 15,14 miliardi

21/04/2015 15:00

Dalla Norvegia alla Sicilia passando per l'Egitto, un aprile cruciale per ENI

foto della notizia

Lo scorso venerdì la piattaforma petrolifera Goliat ha terminato il suo viaggio e in estate sarà la primo a entrare in esercizio nel Mare di Barent, diventando l'installazione offshore più a Nord del Pianeta. Entro fine mese saranno resi pubblici i dettagli per il rilancio a raffineria green di Gela. Intanto Terna punta a una partnership con il Cane a sei zampe, che parta dal Nord Africa

13/04/2015 13:00

Se anche la guerra si fa green...

foto della notizia

Alcune delle più grandi aziende americane collegate alla difesa, tra cui Thales SA e Multicon Solar AG, si uniranno alla NATO per testare la capacità dei militari di usare energia rinnovabile durante le operazioni militari e le missioni umanitarie. Una nuova opportunità (seppur controversa) per le aziende che operano nel settore delle rinnovabili

03/04/2015 15:00

ENI conferma: vuole Cao al vertice di Saipem

foto della notizia

Il cda del Cane a sei zampe ha deliberato di proporre: Paolo Andrea Colombo, Maria Elena Cappello, Francesco Antonio Ferrucci, Flavia Mazzarella, Stefano Siragusa e Stefano Cao quali ad. Quest'ultimo ha spiegato: è «il candidato in possesso delle competenze professionali specifiche per la nomina come amministratore delegato della società». Il nome era circolato già a metà marzo

> <