24 maggio 2015
Aggiornato 10:00
> <
RSS
04/05/2015 11:09

Renzi: «Stiamo pensando a una bad bank»

foto della notizia

Nei primi tre mesi del 2015 i dati raccolti dall'Abi descrivono una lieve ripresa del mercato bancario italiano, con un aumento dei finanziamenti concessi alle famiglie per l'acquisto delle abitazioni. E anche il premier, Matto Renzi, assicura che il governo sta pensando a una soluzione per ridurre le sofferenze bancarie, in modo da concedere ulteriori margini di manovra agli istituti di credito.

30/04/2015 15:01

Bankitalia: «Serve una bad bank»

foto della notizia

Una bad bank per le sofferenze delle banche italiane può portare "importanti effetti positivi" per l'economia nazionale. Lo sostiene la Banca d'Italia nel rapporto sulla stabilità finanziaria. Può riavviare il mercato del credito e favorire la ripresa degli investimenti.

29/04/2015 16:12

I sindacati chiedono un incontro con Mps

foto della notizia

Di fronte alla situazione di Banca Mps e le dichiarazioni su possibili, future, aggregazioni la "preoccupazione dei sindacati è quella di difendere gli interessi del territorio intesi come posti di lavoro e sviluppo economico". Oggi le organizzazioni di categoria hanno incontrato i rappresentanti del Comune e della Provincia.

27/04/2015 16:23

Bce, prosegue il QE

foto della notizia

Servono altri passi per rompere il circolo vizioso tra rischio bancario e rischio sovrano. Lo ha spiegato, intervenendo a un convegno a Bruxelles, Daniele Nouy, responsabile della vigilanza bancaria europea. ntanto, prosegue il QE della BCE, che la scorsa settimana ha speso altri 15 miliardi per il piano di acquisto dei titoli di stato.

24/04/2015 12:46

Grecia, la strada dell'accordo è ancora (troppo) lunga

foto della notizia

Il commissario europeo agli Affari economici Pierre Moscovici dichiara che, a tre mesi dalle elezioni, «siamo ancora lontano dall'accordo complessivo che è necessario»; gli dà man forte il presidente dell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem, sottolineando che, nonostante alcuni progressi, il tempo della Grecia sta scadendo.

22/04/2015 19:30

Atene si prepara a un'estate rovente

foto della notizia

Da qui a settembre, Atene deve trovare oltre 10 miliardi di euro per Fmi e Bce. Solo per rimborsare i prestiti del Fondo Moneterio Internazionale occorrono circa 3,7 miliardi di euro; in più, entro settembre, arrivano a scadenza 6,7 miliardi di euro in titoli di Stato acquistati dalla Bce nell'ambito del programma SMP.

22/04/2015 17:56

La Grecia non è pronta

foto della notizia

Ci vorranno ancora settimane, e non giorni, per raggiungere un accordo tra Eurogruppo e Grecia. Qualche spiraglio positivo c'è, una bozza d'intesa pure, ma nulla che vada oltre qualcosa di meramente simbolico entro l'incontro di venerdì. Intanto, la Bce alza ancora il tetto dei finanziamenti alle banche a 75,5 miliardi.

17/04/2015 15:00

Bankitalia: «Segnali positivi, ma servono le riforme»

foto della notizia

Aumentano i segnali positivi per l'economia italiana, ma la ripresa stenta ancora a consolidarsi. Lo afferma la Banca d'Italia nel bollettino economico. "In Italia - sostiene Via Nazionale - si sono intensificati i segnali congiunturali favorevoli, anche se deve ancora consolidarsi il riavvio del ciclo economico".

16/04/2015 16:53

Profumo: «Cerco di risanare danni fatti da altri»

foto della notizia

Fruendo è «un grande successo» e banca Mps ha una visione «totalmente diversa» rispetto al Tribunale di Siena che ha condannato la banca, in primo grado, a riassumere 250 lavoratori passati alla joint venture creata da Bassilichi e Accenture. Lo ha detto il presidente Alessandro Profumo, rispondendo alle domande dei soci in assemblea.

12/04/2015 19:02

Banche, da maggio al via le grandi manovre sulle Popolari

foto della notizia

E' questione di tempo ma dopo la riforma che impone la trasformazione in Spa agli istituti con patrimonio superiore a 8 miliardi, la strada delle aggregazioni è chiaramente indicata. E il risiko delle Popolari è stato il tema dominante delle assemblee dei soci di Bpm, Banco Popolare, Creval e Bpvi che si sono tenute ieri.

04/04/2015 13:00

Obama si inchina a Pechino

foto della notizia

Il 31 marzo scorso è scaduto il termine per entrare a far parte dell'Asian infrastructure investment bank (Aiib), la banca di sviluppo asiatica guidata dalla Cina. Dopo l'Italia, la Francia, la Germania e il Regno Unito hanno fatto richiesta di adesione anche l'Australia, la Russia, il Brasile e la Corea del Sud. Ma si sa ancora poco del suo funzionamento e delle sue finalità.

01/04/2015 10:03

Bancari, accordo su rinnovo contratto

foto della notizia

Raggiunto nella notte l'ipotesi di accordo tra Abi e sindacati sul rinnovo del contratto nazionale degli oltre 309mila lavoratori bancari. L'accordo sarà sottoposto alle assemblee dei lavoratori, che dovranno concludersi entro il 15 giugno. Aumento medio a regime di 85 euro.

01/04/2015 08:21

Cosa prevede l'ipotesi di accordo sul contratto dei bancari

foto della notizia

Dopo serrate trattative e due scioperi nazionali, è stata siglata alle cinque di questa mattina da Abi e le 8 sigle sindacali del credito l'ipotesi d'accordo per il rinnovo del contratto nazionale dei lavoratori bancari, che sarà valido fino al 31 dicembre 2018 e che verrà sottoposto all'approvazione delle assemblee dei lavoratori.

31/03/2015 21:23

Borghi: «Dietro ogni buco nelle banche spunta il Pd. Un caso?»

foto della notizia

E' diventato legge il tanto discusso decreto sulle banche popolari. E Claudio Borghi, economista della Lega, non ci vede chiaro. Perché, sottolinea, addirittura la Bce ha scritto di essere rimasta stupita per la fretta del governo italiano e per non essere stata interpellata. Una vicenda che, per Borghi, si inscrive nel quadro del «curioso» e «malsano» rapporto tra Pd e aziende di credito.

19/03/2015 13:09

Senza una politica economica i soldi di Draghi sono inutili

foto della notizia

Quel che è successo ieri sui mercati internazionali non va minimamente sottovalutato. Si è trattato di uno scossone che già oggi sembra essere rientrato. Ma la misura del sommovimento è stato tale da alimentare le più grandi preoccupazioni. Non tanto per quanto è successo, vista la sproporzione tra l’azione iniziale e la reazione. Ma per quanto potrà avvenire nell’immediato futuro.

> <